Vai a sottomenu e altri contenuti

CERTIFICATI

Certificati
Di cosa si tratta:
I certificati provano la registrazione negli archivi dell'Anagrafe e dello Stato civile di stati, fatti e qualità della persona fisica, significativi dal punto di vista giuridico. Garantiscono la sussistenza di questi elementi nei rapporti tra privati e del cittadino con la Magistratura. Alle altre pubbliche amministrazioni, invece, è vietato richiedere certificazioni d'Anagrafe e di Stato civile al cittadino. Sono rilasciati dal Sindaco come Ufficiale di Governo che delega gli Ufficiali d'Anagrafe e di Stato civile (gli impiegati allo sportello) a compilarli e firmarli materialmente.
Certificati anagrafici e di stato civile sono rilasciati dal Comune di residenza e attestano le risultanze delle iscrizioni nell'anagrafe della popolazione residente (APR) e degli italiani residenti all'estero (AIRE).

I certificati anagrafici/stato civile sono:
- certificato di stato di famiglia;
- certificato di residenza;
- certificato di cittadinanza;
- certificato di stato libero;
- certificato di stato vedovile;
- certificato di godimento dei diritti politici;
- certificato anagrafico di nascita;
- certificato anagrafico di matrimonio;
- certificato anagrafico di morte;
- certificato di esistenza in vita;
- certificati di iscrizione all'AIRE.
-certificato di nascita per minori per uso espatrio;
-certificazione anagrafica cumulativa;
-certificato di rettifica anagrafica;
e ogni altro dato desumibile dagli archivi anagrafici e di stato civile.

Se richieste più notizie, queste devono comparire su un unico certificato, detto ''contestuale''.
I certificati anagrafici sono validi per sei mesi. Possono avere valore anche successivamente, se l'utente dichiara in calce al certificato che le informazioni in esso contenute non hanno subito modifiche. Hanno validità illimitata i certificati non soggetti a modificazioni (certificato di nascita, morte).

Certificazioni anagrafiche storiche

La certificazione storica attesta le situazioni anagrafiche pregresse. Per richiedere certificati storici occorre dichiarare un interesse tutelato dall'ordinamento giuridico.
Certificato storico di residenza: attesta le variazioni di residenza dell'intestatario a partire dalla prima iscrizione anagrafica a Lodè.
Certificato storico di stato di famiglia: attesta le variazioni della composizione del nucleo famigliare a partire da una determinata data.

Certificati di tipo elettorale
Certificato di godimento dei diritti politici
: è il certificato che attesta la capacità elettorale del richiedente, cioè la sua qualità di elettore. Tale capacità è attribuita a tutti i cittadini che abbiano compiuto la maggiore età e che non si trovino nelle seguenti condizioni:
a) essere sottoposti a misure di sicurezza detentive, a misure di prevenzione o a libertà vigilata;
b) avere subìto l'interdizione dai pubblici uffici.
Certificato di iscrizione nelle liste elettorali: è il certificato che attesta l' iscrizione del richiedente nelle liste elettorali del comune di residenza. E' necessario per presentare la propria candidatura in qualsiasi consultazione elettorale, sia politica che amministrativa. Per uso ''candidatura'' è gratuito.

CHI PUO' CHIEDERE I CERTIFICATI
Il certificato di residenza e di stato di famiglia possono essere rilasciati a chiunque ne faccia richiesta (art. 33, comma 1, DPR 223/1989). Gli altri certificati possono essere rilasciati solamente se non vi ostano particolari motivi (art. 33, comma 2, DPR 223/1989).
A seguito dell'entrata in vigore dell'art. 15 della legge di stabilità 2012 (Legge 183/2011), che ha modificato l'art. 40 del D.P.R. 445/2000 (T.U. Documentazione amministrativa) dal 1' gennaio 2012 agli Uffici Comunali è vietato rilasciare certificati da esibire ad altre pubbliche amministrazioni, nonché ai gestori di pubblico servizio (art. 40, D.P.R. 445/2000).
Le Pubbliche Amministrazioni ed i gestori di pubblici servizi, sono infatti obbligati ad operare esclusivamente con le auto dichiarazioni prodotte dai cittadini.
Gli Uffici Comunali dello stato civile e di anagrafe potranno quindi rilasciare i certificati soltanto ad uso privato, per i quali è previsto il pagamento dell'imposta di bollo e diritti di segreteria (attualmente euro 14,62 + 0,52 per ciascun documento).
Il nuovo testo dell'art. 40 del D.P.R. 445/2000, stabilisce, altresì, che sui certificati rilasciati, relativi a stati, qualità personali e fatti, sia apposta la seguente dicitura: ''Il presente certificato non può essere prodotto agli organi della Pubblica Amministrazione o ai gestori di pubblici servizi''.
La mancata apposizione di detta dicitura comporta la nullità del certificato.
Il rilascio di certificazione di stato civile (nascita, matrimonio, morte) ad uso privato è gratuito per l'applicazione dell'esenzione dall'imposta di bollo ex art. 7 della legge n. 405/90. Inoltre, permangono le esenzioni di cui alla tabella ''B'' del D.P.R. 642 DEL 26/10/1972, ovvero:
1) Certificati da produrre agli uffici giudiziari (non soggetti al DPR 445/2000): adozione, divorzio, separazione, processo penale, ecc.;
2) Certificati da produrre a privati per i quali era, e continua ad essere, prevista l'esenzione dal bollo ai sensi della predetta tabella ''B'': Onlus, Associazioni sportive affiliate al Coni, datori di lavoro, certificati per borse di studio, certificati uso successione per notai o istituti di credito.

Si ricorda comunque che il cittadino può rilasciare le autocertificazioni anche quando abbia a che fare con ''istituzioni private'': banche, assicurazioni, agenzie d'affari, notai, ecc. (art. 2, D.P.R. 445).
L'autocertificazione ha lo stesso valore dei certificati (art. 46, D.P.R. 445/2000), è gratuita e non comporta l'autenticazione della firma.

Requisiti

Cittadini italiani e stranieri residenti nel Comune di Lodè, limitatamente a stati, fatti e qualità registrati negli archivi dell’Anagrafe e dello Stato civile del Comune di Lodè, definiti come certificabili dalla legge.

Costi

Non è nella facoltà del richiedente il certificato decidere se l'atto vada in bollo oppure in carta libera e neppure discrezione degli uffici che richiedono o rilasciano atti. I certificati, quando richiesti all'ufficio anagrafe, devono essere rilasciati in bollo 'sin dall'origine' (D.P.R. 642/72) per cui il bollo è la regola, mentre la 'carta semplice' è l'eccezione, pena l'evasione del tributo di bollo. Oltre al bollo devono essere versati i diritti di segreteria nella misura di: € 0,26 per i certificati in carta libera e di € 0,52 per i certificati in bollo (per alcuni usi particolari è prevista anche l'esenzione dai diritti di segreteria).

Normativa

• Legge 24/12/1954, n. 1228 - Ordinamento delle anagrafi della popolazione residente.
• D.P.R. 30/5/1989, n. 223 - Approvazione del nuovo regolamento della popolazione residente.
• ISTAT - Metodi e Norme, serie B - n. 29 - edizione 1992 (criteri di applicazione della normativa anagrafica).
• D.P.R. 396/ 2000 ''Il nuovo Ordinamento di Stato Civile'';
• Decreto Ministero dell'Interno 5 aprile 2002 ''Formulario di Stato Civile'';
• Legge n. 470 del 27.10.1988: Anagrafe e censimento degli italiani all'estero.
• D.P.R. 323 del 06.09.1989: Approvazione del regolamento per l'esecuzione della legge del 27.10.1989 sull'anagrafe e sul censimento degli italiani all'estero
• D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642 e s.m.i. che disciplina l'imposta di bollo;
• DLgs. del 18/08/2000 n.267- T.U. Leggi Ordinamento Enti Locali;
• Legge 7.8.1990, n. 241 ''Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi'';
. D.P.R. 28.12.2000, n. 445 ''Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa'';
Legge 183/2011 (Legge di stabilità)

• D.Lgs. 30.06.2003 n. 196 ''Codice in materia di protezione dei dati personali'' e s.m.i.;

Termini per la presentazione

Modalità di erogazione


Il rilascio di certificati riguardanti il cittadino che si presenta allo sportello avviene su semplice richiesta verbale dopo l’esibizione di un documento personale che ne consenta l’identificazione.
La richiesta per il rilascio di certificati riguardanti persone diverse da chi si presenta allo sportello consiste in un modello precompilato (qui allegato) che il richiedente si limita a firmare dopo avere fornito un documento personale per l’identificazione.
La richiesta di rilascio di certificazione può essere inviata anche attraverso un fax o la posta. Deve riportare le generalità del richiedente, essere firmata e accompagnata dalla fotocopia di un documento personale valido per l’identificazione
 

Incaricato

Ufficiale di stato civile e anagrafe

Tempi complessivi

dieci minuti

Note

INFORMAZIONI GENERALI SU:
Imposta di bollo e diritti di segreteria

Il bollo è una imposta riscossa dallo Stato in connessione alla formazione o all'uso di atti, certificati, registri o documenti individuati nella normativa vigente.
I diritti di segreteria sono un corrispettivo versato al Comune per una attività da esso svolta. La misura dei diritti di segreteria per le pratiche demografiche è fissata dalla Tabella D allegata alla legge 8 giugno 1962, n° 604 e successive modificazioni ed integrazioni.

L'utilizzo di certificati rilasciati in esenzione da bolli e spese per fini diversi da quelli indicati sul certificato è una violazione della normativa fiscale vigente.
L'articolo 22 del DPR 26 ottobre 1972, n° 642 stabilisce che sono SOLIDALMENTE OBBLIGATI al pagamento dell'imposta e delle eventuali soprattasse e pene pecuniarie tutti i soggetti che hanno sottoscritto, ricevuto, accettato o negoziato atti e documenti non in regola con l'imposta o che degli stessi facciano uso.
la responsabilità per il mancato pagamento del bollo ricade sul richiedente, su chi ha firmato l'atto e sul funzionario ricevente che non provvede a trasmettere l'atto irregolare all'ufficio del registro. La sanzione prevista va da 2 a 10 volte l'importo evaso più la marca prevista.

Non è nella facoltà del richiedente il certificato decidere se l'atto vada in bollo oppure in carta libera e neppure discrezione degli uffici che richiedono o rilasciano atti.

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
richiesta autentiche e sottoscrizioni a domicilio Formato pdf 29 kb
richiesta certificazione storica Formato pdf 48 kb
richiesta certificazione dper persona diversa dal richiesente Formato pdf 50 kb
richiesta certificazione zona censuaria Formato pdf 45 kb
DPR 26 ottobre 1972, n° 642 Imposta di bollo Formato pdf 142 kb
elenco deiprincipali documenti in esenzione dall'imposta di bollo Formato pdf 14 kb
elenco usi soggetti all'imposta di bollo Formato pdf 14 kb
modulistica autocertificazione Formato rar 745 kb
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto